SCEGLI IL CINEMA
filtra per filtra per

Loro 1

  • Uscita:
  • Regia: Paolo Sorrentino
  • Cast: Toni Servillo, Max Tortora, Elena Cotta, Alice Pagani, Roberto Herlitzka, Riccardo Scamarcio, Dario Cantarelli, Mattia Sbragia, Euridice Axen, Iaia Forte, Michela Cescon, Duccio Camerini, Elena Sofia Ricci, Caroline Tillette, Giovanni Esposito, Kasia Smutniak, Anna Bonaiuto, Ugo Pagliai, Milvia Marigliano, Roberto De Francesco, Lorenzo Gioielli, Yann Gael, Fabrizio Bentivoglio, Ricky Memphis
  • Prodotto nel: 2018 da NICOLA GIULIANO, FRANCESCA CIMA, CARLOTTA CALORI, VIOLA PRESTIERI PER INDIGO FILM, IN COPRODUZIONE CON PATHÉ
  • Distribuito da: UNIVERSAL PICTURES INTERNATIONAL ITALY

Film non più disponibile nelle sale

TRAMA

Il film è incentrato sulla figura di Silvio Berlusconi e la sua corte.

Dalla critica

  • Cinematografo

    “Me l’hanno chiesto loro”. “Loro chi?” “Loro. Quelli che contano”. Il “talent scout” Sergio Morra (Riccardo Scamarcio) ha un unico obiettivo: conoscere Lui. Per farlo, abbandonata Taranto, inizia a mettere su una squadra di avvenenti e giovani talentuose da invitare ad un megaparty in Sardegna, nella villa affittata per l’occasione. La villa di fronte a quella di Silvio Berlusconi. Ma Silvio Berlusconi vive lì da “recluso”, in compagnia solo di sua moglie Veronica, che da tempo ha dovuto mettere da parte sentimenti quali la gelosia, ma che non tollera sia messa in discussione la sua dignità. Silvio prova a riconquistare sua moglie. Ma contemporaneamente è mosso da un’insoddisfazione generale data dall’attuale situazione politica, ora che non è più al governo. “Ma non hai paura del vuoto?”, gli chiede Veronica. “No, perché lo vedo da lontano”. “Io sono un uomo del fare. E non riesco a terminare nemmeno un progetto. Quasi quasi compro un’altra casa gigantesca”. “Ne abbiamo 20, abbiamo tutto”. “Il tutto non è abbastanza”. È l’Italia del 2006, Berlusconi ha 70 anni (“sono ancora giovane”) ed è appena terminato il suo terzo Governo. Da una parte, in lontananza, si anima il sottobosco di quello che poi è passato agli onori della cronaca come il fenomeno del Bunga Bunga. Dall’altra, nel paradisiaco scenario di Villa Certosa, l’uomo-simbolo, il miraggio di quel sottobosco, prova a far fronte al difficile momento, politico, umano e “sentimentale” che sta vivendo. Loro 1 di Paolo Sorrentino (nelle sale da domani, 24 aprile, mentre Loro 2 arriverà il 10 maggio) si compone a sua volta di due parti. Allegoria pop e dissacrante di una fauna decadente e tossica, la prima, caricatura “aforismatica” la seconda. È anche in questa profonda spaccatura, forse, che il film risulta in disequilibrio e disomogeneo: Sorrentino non aveva certo bisogno di realizzare un lungometraggio su Berlusconi per dare sfoggio del suo indiscutibile talento dietro la macchina da presa. Mischia – come da cartello iniziale – fatti veri a fatti inventati, mescola personaggi “ispirati a” (il Tarantini di Scamarcio in primis, o il “ministro” di Fabrizio Bentivoglio: è Bondi?, la Kira di Kasia Smutniak è l’“ape regina” Sabina Began) con personaggi chiamati per nome e cognome (Noemi Letizia, Mariano Apicella, Veronica Lario ovviamente), “inventa” figure fittizie (questo fantomatico “dio”, che nessuno ha mai visto, è l’erede di Licio Gelli?…) per arrivare comunque laddove già con Il Divo e in un certo senso con La grande bellezza era arrivato. Qui, è naturale, la potenza simbolica dell’oggetto della narrazione è differente. E Sorrentino, almeno nelle intenzioni, vorrebbe inquadrare da un lato la contraddizione di questa corte adorante, composta da uomini “prevedibili ma indecifrabili”, dall’altro provare a raccontare l’uomo dietro alla figura simbolica, attraverso un tono, sempre nelle intenzioni del regista, che è quello “rivoluzionario, della tenerezza”. Per quanto riguarda la prima intenzione, quella relativa alla tribù di arrivisti, faccendieri, donne facili, strafatte, sessuomani, e via dicendo, il tutto culmina nella megafesta in Sardegna a base di MDMA (con tanto di bugiardino vivente che ci spiega i vari stadi successivi l’assunzione): per arrivarci, Sorrentino si muove con la solita disinvoltura estetica (anche troppa) tra locali e dietro le quinte di un degrado morale e politico allucinanti, in un tripudio di corpi, luci e colori tanto abbaglianti quanto tristemente bui, tutti, nessuno escluso, mossi dalla brama di arrivare a Lui. Ma, almeno in questo Loro 1 , sono due mondi che non si toccheranno mai, se non relativamente, in maniera fugace. Sembra quasi che a Sorrentino interessasse presentarci questi due universi in modo netto e separato, probabilmente in attesa di farli collidere nella prossima, seconda parte. Perché, lo ricorda lo stesso regista, Silvio Berlusconi “è il primo uomo di potere a essere un mistero avvicinabile ” rispetto a figure come quella di Andreotti, ad esempio, appartenenti ad un’epoca in cui si parlava di “disincarnazione del potere”. Ma resta il dubbio, alla fine di questo Loro 1 , che Toni Servillo abbia voluto/dovuto incarnare sin troppo da vicino questo mistero , finendo per renderlo la caricatura di se stesso.

Cosa vuoi fare?

Idee per il tempo libero

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Altri film nei dintorni

Ultimo tango a Parigi

  • Uscita:
  • Regia: Bernardo Bertolucci
  • Cast: Marlon Brando, Maria Schneider, Maria Michi,...

In un appartamento da affittare, Paul incontra Jeanne e le impone il primo d'una lunga serie di violenti rapporti...

Le meraviglie del mare

  • Uscita:
  • Regia: Jean-Michel Cousteau,...
  • Cast: Arnold Schwarzenegger

Jean-Michel Cousteau, figlio del leggendario esploratore e regista Jacques Cousteau, s'imbarca con i figli Celine e...

Dogman

  • Uscita:
  • Regia: Matteo Garrone
  • Cast: Marcello Fonte, Edoardo Pesce, Nunzia Schiano,...

In una periferia sospesa tra metropoli e natura selvaggia, dove l'unica legge sembra essere quella del più forte,...

Scheda e recensioni

Deadpool 2

  • Uscita:
  • Regia: David Leitch
  • Cast: Ryan Reynolds, Morena Baccarin, Josh Brolin, Josh...

Le nuove avventure del mercenario Wade Wilson, un ex agente delle forze speciali che, dopo essere stato sottoposto a un...

Scheda e recensioni

Nel frattempo, in altre città d'Italia...